PROGETTO CRESCERE INSIEME: buona pratica per famiglie e ragazzi autistici

autismo2

Per la giornata mondiale dell’Autismo vogliamo raccontarvi del “PROGETTO CRESCERE INSIEME 2015, prosecuzione di CRESCERE INSIEME 2014 – percorsi di socializzazione, autonomia, attività creative per adolescenti con disturbi dello spettro autistico (ASD),sostegno ai familiari, giornata dell’autismo 2016 con Convegno”, realizzato dalla Associazione Ulisse Onlus grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze. Il Progetto ha ottenuto una larga partecipazione e consenso da parte delle famiglie, degli adolescenti e degli operatori.

Ecco le attività del progetto che sono state erogate gratuitamente:

?Per gli ADOLESCENTI con disturbi dello spettro autistico sono stati realizzati incontri settimanali di socializzazione , confronto, orientamento per studio e attività lavorative e partecipazione ad attività creative di floricoltura-composizioni floreali (kokedama) sotto la guida di operatrici del settore appartenenti all’Associazione Giardino Volante Onlus.

?Per i FAMILIARI degli adolescenti con disturbi dello spettro autistico è stata realizzata l’iniziativa “INSIEME SI PUO?” che prevede incontri mensili di parent training condotti da uno psicologo esperto del settore autismo , finalizzati a condivisione, confronto, sostegno e all’approfondimento di tematiche attinenti al “quotidiano” ed alle problematiche specifiche dell’adolescenza di ragazzi con disturbi dello spettro autistico.

?AUTISMO E INFORMATICA, apprendere attraverso le nuove tecnologie: corso teorico-pratico di 30 ore (ripetuto in 2 edizioni ) per educatori, insegnanti e genitori di ragazzi autistici tenuto da pedagogisti analisti comportamentali BCBA esperti di informatica.

? Organizzazione della giornata mondiale dell’autismo il 2 aprile 2016 con il CONVEGNO AUTISMO E FUTURO, in collaborazione con il Dipartimento di Salute Mentale e Percorso Autismo UFSMIA Firenze e la partecipazione di enti, fondazioni, associazioni , che si occupano di autismo a Firenze e in Toscana e di associazioni autism friendly. Sono state riportate le esperienze delle azioni in cui si articola il progetto: le relazioni hanno avuto come filo conduttore la preparazione al domani, i progetti e le esperienze per un futuro da cittadini a pieno titolo dei ragazzi con disturbi dello spettro autistico.

Questo e numerosi altri interventi presenti sul territorio meritano di essere conosciuti e condivisi per orientare, sostenere, informare e formare la cittadinanza.

Un grazie speciale va, quindi, a tutti gli operatori e volontari delle realtà associative che si dedicano ogni giorno a questa tematica proponendo servizi concreti e significativi.