5 per mille: giro di vite sugli enti beneficiari

La Corte dei Conti vuole imporre una più rigorosa selezione degli enti beneficiari del 5×1000, al fine di non disperdere risorse per fini impropri.

I dati recentemente pubblicati relativi alle erogazioni per l’anno 2012 attestano che i beneficiari sono quasi 50mila. Per le onlus e gli enti del volontariato, quasi 9 mila enti ottengono un contributo inferiore ai 500 euro ed oltre mille non hanno ottenuto nemmeno una firma, accentuandosi, così, la frammentazione e la dispersione delle risorse.

Molte organizzazioni, pur non avendo finalità di lucro, non producono alcun tipo di valore sociale, rivolgendosi esclusivamente ai soci o iscritti, senza rispondere a criteri di misurabilità dell’utilità sociale prodotta.


La Corte dei Conti ritiene quindi necessario intraprendere un’attività di audit dell’Agenzia delle entrate sul comportamento degli intermediari in potenziale conflitto di interesse, al fine di tutelare la libera scelta dei contribuenti.


Ulteriori dettagli nell’articolo dedicato su Vita.it.

Related Posts