SVC FOTOOOOO3

Un anno di Servizio Civile Nazionale  può essere tutto o niente; è una scatola vuota che deve essere riempita.

Sei tu a decidere la forma, i colori e i sentimenti che vuoi riporre dentro.

Io ho deciso di viverlo con sentimento e passione; non è stato soltanto un anno importante dal punto di vista professionale, ma un’esperienza che, in un certo senso, ha dato un’impronta ben precisa alla persona che ho scelto di essere nel mondo.

Nel mio percorso da civilista, ho scelto di prestare il mio tempo nel settore educativo e sociale, di fare compagnia a delle signore anziane, di seguire i piccoli passi di un bimbo disabile e di accompagnare un giovane adolescente nel personale processo di crescita.

Posso dire a gran voce che è stato un anno di ispirazione per il presente e per il mio futuro. Ho messo in discussione parte di me stessa, ho decostruito e poi ancora ricostruito l’immagine di quel cambiamento che vorrei vedere nel mondo.

Indubbiamente ci sono stati momenti di perplessità, scoraggiamento e voglia di mollare; ma ho riposto in quella scatola anche questi sentimenti e oggi, a pochissimi mesi dalla conclusione, riaprendo la mia scatola ho ritrovato armonia in forme indefinite e miscele di colori scintillanti.

 

Non è retorica, è semplicemente vita.

Tiziana, Servizio Civile Nazionale, Firenze 2015